35HK_indicatore vendite 7 2019.jpg

© Timber-Online

indicatore delle vendite luglio 2019

Sarà un autunno di sfide

Un articolo di Gerd Ebner (tradotto da Eva Guzely) | 08.08.2019 - 10:41

Pressione in ispecie con gli scarti

Quanto alle vendite, si può dire che c’è una pressione crescente soprattutto con gli scarti. A luglio i prezzi sono di nuovo calati leggermente. Mentre in Germania e Austria continua il taglio ad agosto, in Italia, il primo cliente dell’Austria, ha cominciato il periodo di Ferragosto. La domanda del sud è rallentata ormai a luglio, anche per via delle attese dei clienti per l’autunno: Si attendono prezzi ancora più bassi.

Riguardo alla merce principale e commissionata, la domanda è relativamente forte. In questo segmento la domanda di quantità notevoli di quasi tutti i prodotti trasformati ha un effetto stabilizzante. L’eccezione è la merce grezza per il legno massello per costruzioni che è diventata nettamente più economica.

Decisamente peggiore rispetto all’anno scorso

La situazione sul mercato del tondame continua ad essere un tema centrale per tutti i partecipanti al mercato. In Austria le valutazioni tracciano il quadro di una situazione della tutela dei boschi decisamente peggiore rispetto all’anno scorso. La riproduzione di massa degli scolitidi sembra di spostarsi di altri 100 metri in alto, colpendo anche zone a 700 metri di altitudine. C’è chi affronta la situazione con un certo fatalismo.

A luglio i prezzi del tondame di abete rosso/bianco sono calati sia in Germania meridionale che in Austria. In Austria sono compresi fra 69 e 80 €/m³. Si tratta di un calo di 2 €/m³ rispetto a giugno. In Baviera gran parte del tondame è venduta a 66 fino a 78 €/m³ (-1 €/m³), mentre i prezzi vanno da 67 a 80 €/m³ (-50 centesimi/m³) in Baden-Württemberg.

Le elevate quantità di scarti di segheria accompagnate da una contrazione dei prezzi rappresentano una sfida per le segherie. Di conseguenza, sono calati, in Austria, i ricavi del cippato (-50 centesimi/metro stero sfuso) e della segatura (-60 centesimi/metro stero sfuso) nel terzo trimestre. Tuttavia, il livello dei prezzi di entrambi i sottoprodotti è nettamente superiore a quello in Germania o nella Repubblica Ceca.

Settembre e ottobre saranno mesi di sfide con la produzione ferma a Pöls, Laakirchen e Frantschach per via di lavori di manutenzione. Secondo quanto comunicano Papierholz Austria e alcuni subfornitori, saranno creati magazzini temporanei per questo periodo.