polonia

Esboscato il 90%

Un articolo di Ulrike Knaus (adattato per holzkurier.com; tradotto da Eva Guzely) | 16.08.2019 - 08:50

Ad agosto 2017 una tempesta feroce con raffiche di 100 fino a 150 km/h aveva colpito la Polonia occidentale. Nell’arco di solo 20 minuti erano stati distrutti oltre 100.532 ettari di boschi in 60 zone diverse. Gran parte degli alberi caduti o rotti erano pini, però la tempesta aveva recato danni anche a boschi bicentenari composti da querce, frassini, olmi, pioppi, carpini bianchi, tigli e ontani. Il 40% della riserva naturale più grande della Polonia era stato distrutto.

“Negli oltre 95 anni della storia delle Foreste Statali non abbiamo mai avuto una catastrofe simile”, commenta Konrad Tomaszewski, direttore generale delle Foreste Statali della Polonia.

Si sono rimossi i danni ormai nel 90% delle zone colpite e sono in pieno svolgimento i lavori di rimboschimento. La quantità del legno danneggiato aveva superato gli 8,5 mln. di m³, di cui 8 mln. di m³ sono ormai stati esboscati. I boschi distrutti sono rimboscati con 217 mln. di piantine di pino. Le Foreste Statali progettano di rimboscare tutte le zone distrutte dalla tempesta entro il 2023.