BSH_Birke_Querschnitt_1.jpg

BSH Birke Symbolbild © Martina Nöstler

italia

Lieve ripresa del fabbisogno di lamellare

Un articolo di Gerd Ebner (tradotto da Eva Guzely) | 05.12.2019 - 10:36

Dopo il crollo degli acquisti esteri nel 2018 (267.000 m³ in nove mesi) il fabbisogno sembra di tornare ad aumentare un po’. Nei tre anni precedenti i volumi erano sempre nettamente superiori (2017: 350.000 m³ in nove mesi; 2016: 400.000 m³, 2015: 380.000 m³).

Tra i paesi fornitori che approfittano della lieve ripresa è l’Austria che ha esportato 190.000 m³, ovvero un +6% su base annua, verso l’Italia, pesando per il 70% sulle importazioni italiane di lamellare.

Tuttavia, la Russia (+6% a 25.000 m³) e la Lettonia (+25% 15.000 m³) guadagnano terreno. Da ormai quattro anni la Russia si conferma il secondo paese fornitore più importante dell’Italia, mentre la Germania ha segnato un ulteriore calo del 24% a solo 5.300 m³ e continua a scendere in classifica.

Italia Import di legno lamellare gennaio – settembre 2019

Paese 2019 2018 Diff. in %
Austria 185.760 174.707 6,3
Russia 25.202 23.812 5,8
Lettonia 14.658 11.769 24,5
Polonia 8.698 14.792 -41,2
Germania 5.383 7.080 -24
Croazia 5.122 5.270 -2,8
Bosnia ed Erzegovina 4.970 5.644 -11,9
Romania 4.823 4.559 5,8
Slovenia 3.418 3.509 -2,6
Slovacchia 3.287 4.767 -31
Restanti 12.605 11.377 10,8
Totale 273.926 267.286 2,5