1133089667.jpg

L'edilizia del Dubai è in forte crescita, ma è usato quasi esclusivamente il cemento © Bernd Amschl

ambiente

Calcestruzzo il terzo emittente di CO2 dopo Cina e gli USA

Un articolo di Vera Bauer (adattato per holzkurier.com; tradotto da Eva Guzely) | 21.12.2018 - 10:03

Secondo i ricercatori del think tank Chatham House, il cemento è responsabile per l’8% delle emissioni di CO2 sul pianeta. Se l’industria del cemento fosse un paese, sarebbe il terzo emittente più grande dopo la Cina e gli Stati Uniti. L’impronta ecologica dell’industria supera quella del carburante per aerei (2,5%) e segue l’agricoltura (12%) con poca distanza.

In occasione della Conferenza ONU sui cambiamenti climatici COP24 nella Polonia, i rappresentanti dell’industria del cemento hanno discusso possibili strategie per raggiungere gli obiettivi definiti nell’Accordo di Parigi. A questo fine le emissioni annue dovrebbero essere diminuite di almeno il 16% entro il 2030. Nonostante i problemi di durevolezza ben noti, il cemento continua a essere il materiale di costruzione più usato nel mondo.

Dagli anni ’90 gran parte della crescita si concentra sull’Asia, e in ispecie sulla Cina. Dal 1950 la produzione è aumentata di più di trenta volte e dal 1990 è quasi quadruplicata. Tra il 2011 e il 2013 il consumo cinese di cemento ha superato quello degli Stati Uniti dell’intero 20esimo secolo. Dato che il consumo cinese sta diminuendo, la crescita più marcata è attesa nell’Asia sudorientale e nell’Africa – trainata dall’urbanizzazione e dello sviluppo economico.

Secondo le ricerche la superficie base degli edifici costruiti in tutto il mondo raddoppierà nei prossimi 40 anni. Di conseguenza, la produzione del cemento potrebbe aumentare del 25% entro il 2030. Se l’industria vuole adempiere l’Accordo di Parigi, deve fare dei cambiamenti alla produzione stessa del cemento, invece di ridurre soltanto l’uso di carburanti fossili.

Infatti, è il processo di produzione del clinker, la componente base del cemento, a emettere la quantità più grande di CO2 durante la produzione. Nel 2016 le emissioni della produzione mondiale di cemento ammontavano a circa 2,2 mrd. t di CO2.